banner
europa - Italia

10 immersioni per scoprire i tesori dei Campi Flegrei, viaggio sub 8 giorni

europa - Italia

10 immersioni per scoprire i tesori dei Campi Flegrei, viaggio sub 8 giorni

Tuffati tra gli antichi resti di una città romana e vai alla scoperta di innumerevoli e affascinanti opere d’arte sommerse

3 recensioni

Questo viaggio è consigliato da Apr a Ott

Scopri perché

Questo viaggio è per  Sub

icon

Tuffati tra gli antichi resti di una città romana e vai alla scoperta di innumerevoli e affascinanti opere d’arte sommerse

circa 690€

 a persona

Richiedi subito
un preventivo
Questo viaggio è per  Subicon

Cosa comprende

  • 8 giorni e 7 notti presso Hotel Il Gabbiano o similare
  • Pacchetto 10 Immersioni
  • Assicurazione Medico Bagaglio
  • Voucher di 10 Euro per assicurazione DAN
  • Voucher sconto 10% per acquisto attrezzatura
Mostra tutte

circa 690€  a persona

Calcolati per un viaggio di 2 persone volo escluso

Inserisci le date, il numero di partecipanti per avere un preventivo

Richiedi subito
un preventivo

Vuoi risparmiare?

Scopri in anticipo  i costi dei voli per questo viaggio

GEN-2019

154 €
FEB-2019

155 €
MAR-2019

155 €
APR-2019

155 €
MAG-2019

155 €
GIU-2019

158 €
LUG-2019

142 €
AGO-2019

158 €

Cosa farai

Archeologia subacquea

Queste acque racchiudono antichi e immensi tesori tutti da scoprire

Flora

Una ricca flora caratterizza queste limpide acque, come spugne colorate e diversi tipi di coralli

Fauna

Queste acque sono abitate da varie e colorate specie di pesci e molluschi

Grotte

Queste grotte sono il nascondiglio perfetto per le varie specie di pesci della zona

Quando andare

L’Italia vanta un clima mediterraneo temperato che è mite durante la maggior parte dell’anno. Il periodo migliore per una vacanza subacquea in Italia va da Aprile ad Ottobre, mesi in cui le temperature sono più tiepide

Cosa vivrai

La flora della penisola italiana si differisce in base alle zone, in prevalenza troviamo le piante tipiche dei climi temperati, mentre nelle coste e nelle isole prevale la vegetazione mediterranea. Le zone montuose, invece, sono caratterizzate da vegetazione ad aghifoglie e sempreverdi. Per quanto riguarda la flora mediterranea spiccano olivi, agrumi, querce da sughero, fichi d'India, agavi, mirti, ginepri e molti altri arbusti, in collina e nella bassa montagna è facile imbattersi in foreste di querce e castagni, mentre nelle zone alpine spadroneggiano larici, pini ed abeti. Inoltre, in Italia sono diffuse numerose specie di fiori e altre piante. La fauna in Italia si differenzia, come la vegetazione, in base alla zona esplorata. La maggior parte delle specie endemiche vivono oggi nelle aree naturali protette, come ad esempio l’aquila, lo stambecco, il camoscio, l’orso (esempio famoso l’orso marsicano ritrovabile in Abruzzo), il lupo e la marmotta. Nelle zone di montagna, inoltre, è facile incontrare allocchi, castori, volpi, cinghiali e capre selvagge. Per quanto riguarda la fauna marina vicino alle coste è possibile incontrare pesci spada, tonni e delfini, oltre a balene di passaggio. In Italia si possono riscontrare a volte anche delle specie rare di foche. Il sud Italia, inoltre, si caratterizza di alcune specie particolari come le tartarughe caretta - caretta e lo squalo grigio ritrovabili a Lampedusa o i barracuda ammirabili ad Ustica.

Il Mar Ligure comprende numerosi luoghi in cui fare immersioni affascinanti e spettacolari. Si deve iniziare per forza dalla splendida Riserva Marina di Portofino , molto famosa nell’ambiente subacqueo. Trattandosi di una riserva protetta vi sono molte limitazioni per le immersioni ed è divisa in varie zone. Ciò comunque non inficia la bellezza dei viaggi subacquei in questo luogo ricco di flora e fauna marina. Inoltre, sempre nell’area marina protetta è possibile ammirare il Cristo degli Abissi, nella Baia di San Fruttuoso. Un altro punto molto interessante è Punta Chiappa Levante , anche questa zona di interesse sia naturalistico che storico. Sempre nel mar Ligure troviamo l' Isola Gallinara i cui fondali marini sono considerati Riserva Regionale. Punti d'immersione più noti sono Punta Falconara , dove si trova immersa la statua del Cristo Redentore, e Punta Sciusciau , zona adatta a chi volesse ammirare una varietà infinita di animali acquatici: polpi, cernie, murene, e spugne. Un’altra meta assolutamente imperdibile per gli appassionati di immersioni è la Riviera delle Palme . In questa zona i fondali sono ricchi di relitti: i più famosi sono nella zona di Laigueglia, Capo Mele e Loano. Il Mar Tirreno Nord che bagna le coste della Toscana offre dei luoghi di immersione che non hanno nulla da invidiare ai posti più esotici e famosi al mondo. Il primo posto da visitare è l'isolotto di Cerboli, situato nel canale di Piombino, ricco di aragoste, murene e cernie oltre ad una variegata flora marina. Discorso a parte meritano l’Isola d’Elba e le altre isole dell’arcipelago toscano i cui fondali meravigliosi offrono splendidi escursioni subacquee in cui immergersi circondati da flora e fauna marine ricchissime. All’Isola d’Elba consigliamo un’immersione presso "lo Scoglietto", dove è possibile incontrare cernie di grandi dimensioni ed i pesci San Pietro oltre a grotte ed anfratti emozionanti. Altro sito di immersione presso l’Isola d’Elba è sul relitto dell'Elviscot, un cargo che si trova nei pressi dello Scoglio dell'Ogliera a Pomonte, adagiato a soli 12 metri di profondità e quella sullo Junker 52, un aereo della Seconda Guerra Mondiale recentemente scoperto davanti a Portoferraio ad una profondità di 38 metri. Anche le isole dell’Argentario, tra cui spiccano l’isola del Giglio, Giannutri e Capraia, offrono vari siti di immersione da visitare assolutamente. In queste acque tra anfratti, grotte e secche potrete vivere un’esperienza subacquea affascinante e assolutamente indimenticabile. I siti di immersione più famosi in queste isole sono sicuramente la Secca di Capo d’Uomo, Punta Finestra, lo Scoglio del Corallo e la Grotta Azzurra, nei pressi del promontorio dell’Argentario, la secca di Punta Pennello, i relitti del Nasim e del Marsala, presso l’isola di Giannutri e la parete de Le Scole, i Subielli e Cala Cuba vicino l’isola del Giglio. Il Mar Tirreno Sud bagna le coste del Lazio fino alla Calabria e comprende numerosi luoghi di immersione dall’alto contenuto emozionale e ricchi di flora e fauna marina. Per quanto riguarda le coste laziali è opportuno citare il sito di immersione delle Secche di Tor Paterno, un’area marina protetta in cui spicca una formazione rocciosa che parte dai 60 metri di profondità sino a raggiungere i 18 metri sotto il livello del mare. Una vera e propria montagna subacquea ricca di gorgonie rosse e alcionari, varie specie di pesci ed altri animali marini tra cui spiccano murene, gronchi, triglie, cefali e saraghi. Altro luogo da visitare assolutamente in questa porzione di mar Tirreno sono le Isole Pontine: Ponza, Palmarola, Gavi, Zannone, Ventotene e Santo Stefano. I siti di immersioni più famosi sono il Relitto di Cala dell’Acqua, Le Formiche, La Cattedrale e le varie grotte, La Punta dell’Arco e la Secca della Molara. Scendendo più a sud, raggiungendo la Campania, si possono effettuare immersioni ugualmente affascinanti nelle isole del Golfo di Napoli: Ischia, Procida e Capri in particolare. Discorso a parte per le immersioni nel parco marino, compreso nel più vasto Parco Naturale dei Campi Flegrei. Le acque di questa riserva protetta custodiscono una meraviglia introvabile altrove: i resti di una antica città romana. Mosaici, tracce di affreschi, sculture, tracciati stradali e colonne immersi in perfette condizioni, il sogno di qualsiasi subacqueo. Sempre in Campania, ma nella zona del Cilento, ci si può immergere tra le affascinanti grotte di Palinuro. Insenature, secche, anfratti ricchi di flora e fauna subacquea, ideale per gli amanti delle immersioni in grotte. Il Mar Ionio, in particolare per quanto riguarda le coste della Puglia, nella zona del Salento offre numerosi siti di immersione da ammirare almeno una volta nella propria vita da subacqueo. Numerose specie di pesci, grotte, relitti di navi come ad esempio il Tevfik Kaptan rendono particolarmente affascinanti le immersioni nel Salento. In prossimità di Punta Meliso nei pressi di Santa Maria di Leuca, i fondali sono ricchi di grotte marine e anfratti abitati da varie specie di pesci e arricchite da spugne di mare e gorgonie. Anche a Gallipoli, presso l’isola di Sant’Andrea, si possono effettuare ottime immersioni, mentre le altre località rinomata per la bellezza dei fondali sono Porto Cesareo, Santa Cesarea Terme e Tricase porto. Nonostante sia considerato il mare italiano meno interessante per le immersioni, il Mare Adriatico offre alcune eccezioni di particolare interesse. L’alto Adriatico, comprendente il litorale Veneto - Friulano, offre fondali interessanti dal punto di vista naturalistico e archeologico, dove tra rocce naturali e anfratti riposano numerosi relitti affondati nei secoli. Tra i luoghi di maggior interesse subacqueo presenti su queste coste indichiamo le città di Caorle e Grado , in cui la monotonia dei fondali bassi e sabbiosi è interrotta dalle "tegnùe", ovvero dei substrati solidi naturali, vere e proprie oasi ricche di biodiversità. I punti più interessanti si trovano sicuramente lungo le coste del basso Adriatico dove, oltre alle splendide coste del Salento, si trovano le Isole Tremiti , un arcipelago di tre isole maggiori, S. Domino, S. Nicola e Caprara, un’isola minore denominata Pianosa e un quinto isolotto chiamato Cretaccio. Le Tremiti, che dal 1989 sono una riserva naturale, offrono una cinquantina di punti d’immersione. Da non perdere assolutamente sono le immersioni a Caprara, nei punti di Secca di Punta Secca, Scoglio del Corvo e Punta Secca. La fauna e la flora di questi fondali sono estremamente ricche e tipicamente mediterranee. A Secca di Punta Secca i fondali, già a 35 m di profondità le pareti sono ricoperte da splendide Gorgonie e rami di corallo nero. Ovunque si nascondono aragoste, Musdee, Dotti, Cernie, Ricciole e Dentici. Scoglio Corvo è invece caratterizzato dagli Alcionari, che crescono alla base della parete e ricoprono completamente i massi del fondale. Infine Punta Secca si caratterizza per moltissime forme di vita stanziale, grazie alle correnti marine che interessano la zona. La Sicilia è la maggiore delle isole italiane e del Mar mediterraneo. Circondata dalle acque del Tirreno, questa regione offre paesaggi naturali, coste e fondali unici nel loro genere e siti di immersione sono pressoché infiniti, sia lungo le coste dell’isola, sia nelle numerose isole minori. Sulla punta nord occidentale troviamo la località di San Vito Lo Capo , rinomata per la sua lunga spiaggia dalla sabbia bianche e le acque cristalline. Ma le meraviglie di san Vito Lo Capo si trovano anche sotto il pelo dell’acqua: i fondali sono caratterizzati da tante secche a poche centinaia di metri dalla costa, che offrono uno scenario splendido per i fotografi subacquei. Nella zona sono frequenti, appena superati i 40 metri di profondità, i rami del pregiato Corallo Rosso. I fondali nei pressi di San Vito offrono inoltre numerose tracce degli antichi traffici marittimi, con relitti e reperti di diverse età, alcuni risalenti al V sec d.C. Le bellezze del versante occidentale della Sicilia non si esauriscono qui. Di fronte Trapani infatti troviamo l’arcipelago delle Isole Egadi , composto da Favignana, Marettimo e Levanzo che, insieme agli isolotti di Formica e Maraone, costituiscono l’Area Marina Protetta più grande di tutta Europa. I fondali di queste isole non hanno nulla da invidiare ai mari caraibici. Oltre alle meravigliose località balneari di ogni tipologia, le isole offrono esperienze subacquee fuori dal comune. Ad esempio sono imperdibili le immersioni alla Secca del Toro e allo scoglio Galeotta, dove si trovano coralli neri, falsi coralli rossi, spugne, gorgonie e tutta la fauna e la flora esistente nel Mediterraneo. I sub più esperti non possono perdersi l’immersione ad Atlantide, una secca profonda 58 metri con un’eccezionale biodiversità. Spostandoci invece più ad est, di fronte Palermo, troviamo un’altra piccola perla del Mediterraneo: l’isola di Ustica . Unico residuo rimasto di un complesso vulcanico scomparso, l’isola è considerata il paradiso dei sub grazie ai suoi affascinanti fondali. Grazia all’assenza di sabbia a poca profondità, l’acqua è limpidissima e i fondali, di origine vulcanica, sono ricchi di grotte, anfratti e tane. Oltre alle meraviglie del paesaggio sommerso, ogni immersione ad Ustica sorprende per la ricchezza della fauna che è possibile incontrare: grosse cernie, branchi di barracuda, ricciole e a volte anche grandi tonni. Oltre a diversi siti visitabili da sub di ogni livello, come lo Scoglio del Medico o la Secca della Colombara , si segnala l’immersione a Sicchitello , forse la più bella dell’isola. Qui il punto meno profondo si trova a 27 metri, mentre si raggiungono i 60 metri di massima profondità. Questa immersione vi sorprenderà per la ricchezza della fauna, davvero abbondante e varia, e per i pinnacoli che si ergono dal fondale, ricoperti da gorgonie e falsi coralli neri. Anche il versante orientale della Sicilia offre luoghi spettacolari dove fare immersioni. Di fronte Milazzo troviamo l’ arcipelago delle Eolie , uno dei 50 siti inseriti dall’UNESCO nella World Heritage List nella sezione relativa al patrimonio naturalistico. Questo arcipelago siciliano è formato da 7 isole, una più bella dell’altra, Lipari, Panarea, Alicudi, Filicudi, Salina e due vulcani attivi, Stromboli e Vulcano. Tutte le isole sono caratterizzate da una natura selvaggia ed incontaminata che attrae ogni anno migliaia di turisti. A Lipari un punto d’immersione da non perdere è Punta Castagna , in cui la particolarità è un forte contrasto cromatico provocato da una sottile sabbia bianca proveniente dalla vicina cava di pomice, non più attiva. Le pareti sono caratterizzate da un manto di gorgonie rosse e rami di corallo rosso, un vero spettacolo per i fotografi sub. A Panarea, oltre alle numerose bellissime immersioni adatte ad ogni tipo di sub, un’immersione particolare di difficoltà più elevata è quella sul Relitto di Lisca Bianca , che giace in posizione di navigazione a più di 42 metri di profondità. Una delle immersioni più belle di tutto l’arcipelago è quella del Museo Sottomarino di Capo Graziano a Filicudi. Si tratta di un nuovo sito, particolarmente interessante perché raccoglie numerosi reperti archeologici sottomarini. Da segnalare è anche un sito d’immersione a Stromboli, la Sciara di Fuoco , una discesa che raggiunge i 45 metri di profondità. Lo spettacolo che ci si ritrova davanti agli occhi è un’impressionante barriera verticale nera a causa della sabbia nera di cui è costituita che si allontana fino alla cosiddetta Fossa del Tirreno, profonda oltre 3000 metri! Infine in una vacanza sub alle Eolie non può mancare un’immersione a Vulcano. Tra i siti più belli vi segnaliamo l’immersione tra Capo Testa Grossa e lo Scoglio del Quaglietto , dove si trovano alcune piscine naturali, e Gotta del Cavallo, una grande grotta visitabile. Girando attorno lo Scoglio del Quaglietto ci si ritrova davanti un’altra grotta, che contiene la statua di una Madonna e dove non è raro incontrare un grande branco di gamberi rossi. Dulcis in fundo, nel punto più a sud della Sicilia, e dell’Italia intera, si trovano le Isole Pelagie , istituite area marina protetta dal 2002. Questo arcipelago, che insieme all’Indonesia è un rarissimo caso di arcipelago transcontinentale, è formato da Lampedusa, che è l’isola maggiore, Linosa, la seconda per estensione, e Lampione, un isolotto disabitato. Per gli appassionati del mare e della subacquea Lampedusa è un luogo magico: acque trasparenti da far invidia alle più belle isole caraibiche e un’incredibile ricchezza di fauna e flora marina come pochissime altre al mondo. Immersioni emozionanti si possono vivere nella Secca di Levante, dove ogni anno ad inizio estate si radunano branchi di ricciole a deporre le uova, e a Capo Ponente, dove è possibile immergersi su un relitto a pochi metri di profondità. Un sito molto particolare è quello della Madonnina del mare, a pochi metri dall’isolotto dei conigli. Qui un fotografo sub ha donato all’isola una statua di una Madonnina, che giace sotto una sorta di cupola. A far da cornice a questo scenario incantato vi è una grande varietà di specie marine. Nel punto di Taccio Vecchio, sempre a nord dell’isola, si potrà invece incontrare il variopinto pesce pappagallo. Infine occorre segnalare l’immersione a Lampione, da molti definita l’immersione più bella e suggestiva del Mediterraneo. A circa 20 metri di profondità il panorama è caratterizzato da grossi massi pieni di buche, tane di numerosissime specie, tra cui murene, saraghi, corvine, dentici e tante altre ancora. Scendendo ancora, a circa 40 metri di profondità, si possono incontrare specie di taglia più grossa, come ricciole e cernie. Il bello arriva comunque a 60 metri di profondità, dove potrete avere la fortuna di incontrare esemplari di squali grigi, che nel Mediterraneo sono presenti solo in questa area e in Turchia. Le acque delle Pelagie sono anche note per la presenza delle tartarughe marine caretta - caretta, esemplare in via d’estinzione che depone le uova sulle coste di Lampedusa e Linosa. La Sardegna è la seconda isola più grande per estensione appartenente al territorio italiano. Le sue acque sono famose in tutto il mondo per la limpidezza ed i colori accesi, tanto da rendere quest’isola una tappa amata dai turisti di qualsiasi nazione. Il mare che bagna la Sardegna oltre ad essere perfetto per una vacanza di relax, è ideale anche per chi ama le immersioni. Iniziando dal nord della Sardegna si possono trovare numerosi luoghi in cui effettuare dei viaggi subacquei affascinanti e ricchi di flora e fauna marina. Sulla costa nord orientale è possibile immergersi a Santa Teresa di Gallura , presso la Secca di Porto Leccio i cui fondali sono ricchi di posidonia e coralli dai colori vivacissimi. Sempre a Nord si possono ammirare i colori variopinti di numerose specie di pesci, crostacei e coralli che animano le grotte e gli anfratti nei fondali dell'isola di San Pietro ed un labirinto sottomarino al largo dell'isola di Caprera, nell' Arcipelago della Maddalena . Famoso in tutto il mondo è il Portone di Capofigari , presso Golfo Aranci. Un’entrata subacquea che si estende fino a un centinaio di metri sott’acqua e conduce alla Dromia, una stanza piena di colori vivaci e sorprendenti creati dagli effetti della luce che s’infiltra dalle fenditure presenti sulle rocce. Poco distante c’è la grotta di Satana , a 12 metri di profondità e ricoperta interamente di spugne e con anfratti abitati da cavallucci marini, gronchi, polpi e murene. Scendendo ancora sulla costa est si incontra il parco marino protetto dell’ isola di Tavolara che vanta uno dei siti di immersione più belli di tutta la Sardegna: la Secca del Papa , un paradiso subacqueo dai mille colori. Nei pressi del golfo di Orosei è possibile immergersi nell’affascinante Grotta delle Ostriche brulicante di gamberi, cozze, pesci ed, ovviamente, ostriche. Sulla costa ovest, invece, ritroviamo una delle caratteristiche dei fondali sardi, la presenza di grotte ed anfratti. Tra queste la più suggestiva è la Grotta di Nereo , al largo di Alghero , la più vasta grotta marina sommersa dell’intero mar Mediterraneo. In questo luogo è possibile ammirare i famosi coralli rossi di Alghero, una gioia per gli occhi di qualsiasi subacqueo. A Sud della Sardegna, nei pressi di Villasimius ci si può immergere presso la Secca di Santa Caterina , con canyon e grotte abitate da castagnole, zerri e mennole, oltre alla presenza di coralli rossi e gorgonie. Inoltre, in queste acque gli amanti delle immersioni sui relitti possono esplorare i resti dell’ Egle un piroscafo utilizzato durante la Seconda Guerra Mondiale per il trasporto di rifornimenti che fu affondato dalla marina olandese, giacente a circa 35 metri di profondità ed ormai ricoperto da spugne e gorgonie. Rimanendo in tema di relitti, nel Golfo di Cagliari , i sub più esperti possono immergersi per l’esplorazione del Romagna , un piroscafo affondato nel 1943 a causa di un urto con una mina magnetica. Un passo più ad ovest e si può raggiungere un entusiasmante ed affascinante sito d’immersione: i resti sommersi dell’antica città di Nora . Un’immersione archeologica dal grande fascino, in grado di regalare sensazioni incredibili a chi ama le immersioni.

Info utili

Come arrivare

L’Italia è facilmente raggiungibile con tutti i mezzi di trasporto, ma il modo più comodo è sicuramente viaggiare in aereo. Gli aeroporti principali si trovano a Milano, Roma, Venezia e Napoli. Esistono poi altri aeroporti ben collegati in quasi tutte le altre città italiane, come ad esempio Torino, Bologna, Firenze, Bari, Palermo e Cagliari.

Cultura e Cucina

Culla dell’impero romano, sede della Chiesa Cattolica, crocevia di popoli del mediterraneo e fulcro di svariati movimenti artistici ed intellettuali, l’Italia vanta una fiorente storia culturale che sin dall’antichità la distingue dagli altri paesi europei. Il patrimonio artistico e culturale di questo paese è ineguagliabile nel mondo: a titolo esemplificativo, oltre 50 siti patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO si trovano in Italia e si stima che la nazione abbia la metà dei tesori d’arte del mondo. Il paese vanta inoltre un numero incredibile di musei, siti archeologici, beni architettonici, biblioteche, monasteri, castelli e fortezze, dimore storiche e tanto altro ancora. La tradizione italiana è rinomata tra le più importanti della storia dell’arte, che in varie epoche ha fatto da traino per l’intera civiltà occidentale. In ogni campo artistico e culturale, in ogni periodo storico, spiccano infatti figure d’eccellenza: per quanto riguarda la letteratura, si annoverano tra i primi scrittori Dante Alighieri, il padre della lingua italiana, Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio. L’Italia è stata anche la patria dell’Umanesimo, movimento letterario che affermava la dignità degli esseri umani, di cui si citano tra i principali esponenti Leon Battista Alberti e Leonardo da Vinci. Fiore all’occhiello della storia italiana è sicuramente il Rinascimento, fenomeno culturale tra il XIV e il XVI secolo che rappresenta la massima espressione artistica italiana, in tutte le sue forme. Opere rinascimentali famose in tutte il mondo sono ad esempio la Cappella Sistina della Basilica di San Pietro a Roma, la più famosa chiesa del mondo simbolo del cattolicesimo, in architettura, la Venere di Botticelli in pittura, il David di Michelangelo in scultura e infiniti altri esempi ancora. Eccellenze non mancano nemmeno nella storia del cinema, che vive il suo momento migliore dopo la Seconda Guerra Mondiale, in particolare con il neorealismo di Federico Fellini, maestro che diede vita a La dolce vita , pellicola divenuta simbolo dell’Italia nel mondo. Altro settore italiano celebrato in tutto il mondo è la moda, che vanta nomi di stilisti di fama mondiale come Armani, Prada, Gucci, Versace, Valentino, Cavalli e molti altri ancora. La maestria degli artigiani italiani e la qualità della produzione ha poi reso famoso in tutto il mondo il concetto di Made in Italy , che sottolinea l’alta qualità dei prodotti italiani. La cucina è un altro campo d’eccellenza di questo paese. Tra le più rinomate del mondo, essa si caratterizza per la sua estrema semplicità: gli chef infatti fanno affidamento sull’alta qualità degli ingredienti italiani, che vantano il più alto numero di certificazioni nel mondo, piuttosto che sulla complessità nella preparazione. Molte ricette, per questo motivo, sono adatte alla cucina casalinga. Tra i simboli culinari italiani non possiamo non citare la pizza, la pasta e il caffè, che più di tutti rappresentano il gusto italiano nel mondo. Provare per credere.

Assicurazione medica

In Italia esistono numerose strutture sanitarie all’avanguardia, anche se non mancano alcune problematiche soprattutto nel Sud Italia.

Sicurezza

Non vi sono particolari problemi di sicurezza per i turisti che intendono visitare l’Italia.

Visto turistico

Non sono necessari visti turistici per i cittadini europei che vogliono visitare l’Italia, è necessario avere un documento d’identità valido per l’espatrio o un passaporto in corso di validità.

Moneta locale

La moneta ufficiale dell’Italia è l’Euro.

Recensioni

  • Paesaggio sotto marino stupendo

    Ferdinando da Padova, 23 Luglio 2017

    Bellissima esperienza ! Assolutamente da non perdere la visita alla Pompei sommersa: scenario e paesaggio acquatico incredibile!

  • Esperienza mozzafiato

    Federica da Catanzaro, 23 Luglio 2017

    Lo staff è disponibile, cordiale e coinvolgente nelle dettagliate descrizioni dei punti di immersione che peraltro sono unici.

  • Posti unici sommersi

    Ernesto da Bergamo, 1 Agosto 2017

    I punti di immersione sono unici e lo staff è molto bravo nel guidare alla scoperta di questi tesori sommersi. La struttura del diving è accogliente, il personale competente e cordiale. Per l’accesso al diving occorre scendere una lunga scalinata, ma una volta arrivati lo staff garantisce un’ottima gestione anche di utenti con disabilità.

circa 690€

 a persona

Richiedi subito
un preventivo
Vuoi un viaggio diving personalizzato?

Altre vacanze diving per Campi Flegrei, Pozzuoli

Promozioni Divecircle

Ogni mese offerte e promozioni
per sub ma anche per i non sub

Avvisami per le offerte
Avvisami per le offerte